fbpx
Salvataggio in quota

I pericoli dei lavori in quota

Se ai tuoi dipendenti viene richiesto di lavorare in quota, è imperativo che tu capisca la complessità di un salvataggio in altezza. Si tratta di salvare una persona incosciente dopo una caduta dall’alto e in sospensione nel vuoto. Per questo motivo è necessario organizzare sessioni di addestramento efficace per il recupero in quota.

In Italia, secondo un’analisi condotta dall’Ufficio Consulenza Tecnica per l’Edilizia dell’INAIL, nel periodo 2005 – 2014 si è riscontrata una diminuzione significativa degli incidenti mortali causati dalle cadute dall’alto. Le percentuali registrano un calo dal 33-31% al 20-21%. Tuttavia, nonostante il netto miglioramento del decennio in questione, i cantieri sono ancora teatro di numerosi morti, che ammontano circa ad una cinquantina. Il settore di attività maggiormente colpito è infatti quello delle costruzioni, con un’incidenza superiore al 65% sugli eventi accaduti e con una percentuale di incidenti di caduta dall’alto pari al 52,4.*

Purtroppo, anche salvataggi pianificati in modo superficiale, possono potenzialmente aumentare questo numero, perché il rischio non consiste solo nella caduta stessa ma anche nella velocità e nell’efficienza del salvataggio.

La Sindrome da Sospensione

Non è solo la caduta ad essere pericolosa: l’imbracatura che ha arrestato la caduta ed evitato la morte può diventare letale a causa del modo in cui una persona incosciente rimane sospesa nel vuoto. La Sindrome da Sospensione (conosciuta anche come Sindrome da Imbracatura) può uccidere velocemente.

La caduta dall’alto che causa la perdita di coscienza è particolarmente pericolosa a causa dell’intolleranza alla sospensione. In parole povere, a seguito della caduta e a causa della posizione sospesa, si verifica un ristagno venoso (il sangue ristagna nelle gambe sospese nel vuoto) che successivamente porta a mancanza di afflusso di sangue verso il cuore. Lo scarso apporto di sangue attraverso il cuore porterà a basse quantità di sangue ossigenato verso il cervello e gli altri organi vitali.

Per questi motivi, quando una persona è priva di coscienza, è molto importante tenere le gambe sollevate per evitare che ciò accada, perciò i soccorritori devono agire velocemente per spostare la vittima in posizione orizzontale.

Pianifica il tuo soccorso in quota per diminuire i rischi

Se si tiene questo a mente, è assolutamente imperativo che i dipendenti vengano addestrati a salvare una persona incosciente e sospesa nel vuoto, in maniera veloce ed efficiente.

È possibile creare uno scenario realistico in cui i lavoratori possano far pratica nello spostamento di un collega ferito in una posizione più sicura utilizzando un manichino da addestramento.

Ruth Lee ha ideato e realizzato il manichino Working At Height specifico per questo tipo di scenario. Questo modello presenta una rigidità maggiore rispetto agli altri, per ridurre il piegamento in avanti tipico dei manichini dentro un’imbracatura. Ha una distribuzione del peso anatomicamente corretta per dare la sensazione di corpo esanime e, in più, è disponibile in una gamma di taglie realistiche.

Perché un manichino è meglio di un volontario

Un manichino è l’unico modo di replicare una vittima incosciente in maniera sicura.

Un volontario, infatti, aiuterà, anche non volendo, operatori: in fondo nessuno vuole lividi e abrasioni se può evitarle!

Inoltre, un volontario in qualche modo sposterà il proprio peso quando necessario e non fungerà da peso morto come una persona realmente priva di coscienza.

Il manichino Working at Height, invece, possiede delle caratteristiche che assicurano:

  • la sicurezza per gli operatori (non possiede parti in plastica rigida che possano ferirli)
  • la corretta postura di un uomo incosciente e sospeso nel vuoto dentro a un’imbracatura
  • il peso reale di un infortunato privo di coscienza

Working At Height è utilizzato da IRATA (International Rope Access Trade Association) e da numerose organizzazioni per l’addestramento in sicurezza in tutto il mondo.

*Fonte: “Cadute dall’alto: incidenti, statistiche, rimedi e formazione”

Leave Comment

Specialisti nella fornitura di Simulatori Medici, Manichini RCP e Materiale Didattico per la Formazione al Primo Soccorso, alla Gestione dell’Emergenza Medica e al Salvataggio.

Entra a far parte della #CommunitydiSoFraPa !

Headquarters:

Sofrapa Healthcare di Paolo Innocenti
Via Panciatichi, 106
50127 Firenze (FI)

  055 0982192
  055 7472820
  info@sofrapa.it

  Lunedì – Venerdì: 9:00 – 18:00
Sabato e Domenica: Chiusi