fbpx

Resuscitation Day: un’intera giornata insieme a Pavia nel Cuore

Sabato 8 Giugno. Noi di SoFraPa abbiamo partecipato al Resuscitation Day organizzato da Pavia nel Cuore, nell’incantevole location Almo Collegio Borromeo, nel centro di Pavia. L’evento ha avuto l’obiettivo di fare rete, migliorarsi ed approfondire per raggiungere un obiettivo comune: addestrarsi a salvare più vite possibili dall’arresto cardiaco. L’evento è stato condiviso da tutti i soccorritori della Provincia di Pavia ed è stato strutturato in workshop teorici e pratici di approfondimento per tutti i partecipanti.

Come espositori abbiamo quindi messo a disposizione gran parte dei nostri prodotti, fornendo loro spiegazioni dettagliate e lasciandoli provare in prima persona; come sponsor invece, è stato un piacere poter consegnare, alla squadra-associazione vincitrice del workshop, un manichino Brayden Advanced.

Con l’occasione, abbiamo presentato e messo a disposizione degli allievi anche l’attesissimo Brayden Baby di Innosonian Europe: il primo manichino lattante BLS in grado di fornire un feedback visivo intuitivo per una corretta pratica della RCP. Per scoprire tutti i dettagli, potete cliccare sulla scheda prodotto del nostro Store Online.

Presente con noi all’evento, Jonathan Smart di Innosonian Europe, si è unito al nostro team rendendosi disponibile nell’affiancare tutti gli allievi impegnati dei diversi workshop: sia ai formatori sia ai partecipanti, ha spiegato e corretto loro la giusta tecnica di ventilazione e compressione toracica, per addestrarsi con Brayden Baby. Con l’occasione abbiamo rivolto personalmente e direttamente a lui alcune delle domande più richieste sul prodotto, che siamo felici di poter condividere con voi.

Ciao Jonathan! Oggi abbiamo avuto finalmente il piacere di poter provare Brayden Baby, l’ultimo prodotto di Innosonian Europe. Quali sono le caratteristiche principali del prodotto che lo differenziano positivamente dagli altri?

Brayden Baby è stato sviluppato insieme ai maggiori esperti europei del settore. La sua anatomia è infatti molto dettagliata, grazie anche al grande occipitale, che permette di posizionare la testa in modo corretto e muoverla facilmente. Naso e bocca sono interconnessi: questo consente di praticare una realistica manovra di “sublussazione della mandibola”. Queste caratteristiche sono infatti tutte necessarie agli istruttori BLS pediatrici e infantili. Inoltre, le vie respiratorie si aprono solo nella corretta posizione: e questo è davvero molto importante. I led indicatori si accendono quando viene eseguita una buona qualità di compressioni toraciche (corretta profondità, corretta frequenza, corretto rilascio, corretta posizione delle dita e dei pollici).

Brayden Baby si differenzia inoltre per un sistema di luci intuitive che indicano quando viene insufflata una buona qualità di ventilazione (il giusto volume d’aria e la corretta velocità di insufflazione). Questo è fondamentale ed è ciò che può fare la differenza nell’addestramento BLS pediatrico.

Quali sono stati gli studi scientifici che ti hanno supportato nella realizzazione di questo progetto?

Brayden Baby è stato sviluppato insieme ai più alti membri di European Resuscitation Council e con l’aiuto dei maggiori ospedali europei (tra cui Great Ormond Street Children’s Hospital, London). Risponde infatti ai bisogni di PBLS (Paediatric Basic Life Support), EPALS (European Paediatric Advanced Life Support), EPILS (European Paediatric Immediate Life Support) e può essere utilizzato anche per l’addestramento NLS (Neonatal Life Support). Si basa infatti sulle necessità, già molte volte riscontrate in precedenza, in numerose pubblicazioni accademiche.

Durante il Resuscitation Day, qual è stato l’errore più comune riscontrato nelle varie tecniche di addestramento, degli studenti presenti? E quale consiglio, in vista di quanto registrato, ti senti di dare alla nostra community?

Durante l’evento di Pavia, la maggior parte dei partecipanti ha riscontrato delle difficoltà nell’esercitare una corretta tecnica di compressione toracica su un manichino lattante, poiché finora si erano addestrati con manichini molto meno strutturati, tali da far comprimere il petto troppo velocemente o al contrario, in maniera troppo superficiale, o con la scorretta posizione delle loro dita e pollici. Al contrario, Brayden Baby e i suoi led indicatori, possono guidare lo studente nell’eseguire una compressione toracica perfetta, secondo le Linee Guida ERC, con la corretta profondità, frequenza, rilascio e posizione. Inoltre, ancor più importante, le ventilazioni insufflate dagli studenti venivano eseguite in maniera piuttosto scarsa, prima di addestrarsi con Brayden Baby. Un feedback intuitivo e in tempo reale, relativo alla corretta tecnica di ventilazione, non era stato infatti finora realizzato su alcun manichino, e gli studenti tendevano infatti a insufflare troppa aria, e spesso troppo velocemente, al manichino.

Il realistico sollevamento del petto e i led indicatori permettono quindi allo studente di insufflare il corretto volume di aria e alla corretta velocità, secondo le Linee Guida: questo lo rende un manichino di addestramento necessario per addestrarsi anche a una corretta tecnica di ventilazione.

“Rivoluzione Brayden” in American Red Cross

 

American Red Cross – ARC (Croce Rossa Americana), l’organizzazione volontaria per l’assistenza della popolazione nelle emergenze sanitarie e punto di riferimento per la formazione dei soccorritori laici e professionisti negli Stati Uniti, sta letteralmente rivoluzionando l’addestramento alla RCP, grazie al manichino Innosonian Brayden Red Light, ormai ribattezzato BigRed.

La decisione di dismettere i vecchi manichini e adottare BigRed è stata presa sulla base delle evidenze scientifiche tratte dagli studi di ILCOR 2015 (International Liaison Committee on Resuscitation), CoSTR (Consensus on Science with Treatment Recommendations) e SAC (American Red Cross Scientific Advisory Council) che hanno dimostrato come i dispositivi di RCP feedback migliorino l’apprendimento della RCP, in particolare delle compressioni toraciche.

I manichini Brayden si sono rivelati uno strumento prezioso per il loro feedback istantaneo su quattro componenti critiche della RCP di qualità:

  • posizione delle mani,
  • profondità delle compressioni,
  • frequenza delle compressioni
  • rilascio delle compressioni

BigRed/Brayden Red Light “risponde” in vari modi a una RCP corretta:

  • Con la posizione corretta delle mani e il rilascio toracico, la fronte del manichino s’illumina.
  • Quando profondità e frequenza sono accurate, il flusso circolatorio s’illumina.
  • Quando la profondità delle compressioni è corretta, si attiva anche il feedback uditivo “clicker”.

BigRed nelle classi RCP di American Red Cross “Gli allievi guardano e capiscono immediatamente!”

Dal 2018, tutti gli istruttori ARC che insegnano Primo Soccorso/RCP/DAE, Responding to Emergencies (RTE) e RCP/DAE per soccorritori professionali (CPRO), BLS Basic Life Support per operatori sanitari, bagnini, ed Emergency Medical Response (EMR), sono perfettamente in grado di spiegare cosa sono i dispositivi di feedback e di integrarli nell’esperienza formativa.

Secondo American Red Cross, molti sono i vantaggi portati da BigRed/Brayden Red Light nella formazione, per esempio, il feedback immediato sulla performance di più allievi simultaneamente. Da quando hanno cominciato a utilizzare BigRed, gli istruttori ARC sono rimasti sorpresi ma elettrizzati di come si possano individuare le abilità dei partecipanti e identificare le aree che richiedono miglioramento, in modo assai più preciso rispetto al passato.

Hillary Tayet, supervisore ARC, condivide l’entusiasmo dei suoi istruttori, affermando: “I nostri partecipanti vivono momenti di vera e propria meraviglia mista a soddisfazione quando vedono concretizzarsi sotto ai loro occhi l’obiettivo della RCP: far circolare sangue ricco di ossigeno nel cervello del paziente a una frequenza regolare. Si tratta di una conquista straordinaria per il dipartimento dei servizi di addestramento.”

Gli istruttori lavorano in partnership con BigRed: mentre le loro competenze professionali rimangono ancora un fattore decisivo per giudicare le capacità degli allievi, gli indicatori di feedback rappresentano un ormai imprescindibile ausilio tecnico.

BigRed dal punto di vista degli istruttori

Gli aspiranti soccorritori sono in egual modo eccitati di visualizzare in tempo reale gli effetti delle compressioni toraciche corrette, durate le sessioni di pratica e, grazie a BigRed, si sentono più sicuri di sé mentre eseguono la RCP.

Per questo motivo, American Red Cross crede che i manichini BigRed, dimostrando l’importanza della RCP precoce epreparando a dovere i soccorritori, contribuiscano, in ultima analisi, a un maggior numero di vite salvate.

BigRed dal punto di vista degli studenti:

Quali sono le caratteristiche tecniche principali di BigRed/Brayden Red Light?

  • È il primo manichino RCP che mostra a livello visivo, grazie ai led luminosi, la perfusione sanguigna cuore-cervello generata dalle compressioni toraciche.
  • È dotato di 3 diversi sistemi di indicazione luminosa della qualità della RCP (RCP Feedback):
    • 1 LED della circolazione sanguigna: mostrano l’afflusso di sangue dal cuore al cervello, con velocità direttamente proporzionale alla frequenza e alla profondità delle compressioni toraciche effettuate.
    • 1 LED delle compressioni: mostrano la correttezza delle compressioni toraciche e s’illuminano completamente solo quando i parametri di frequenza e profondità definiti dalle Linee Guida Internazionali sono rispettati.
    • 1 LED della RCP di qualità: indicatori posti sulla testa del manichino che s’illuminano completamente solo quando i parametri di profondità, di frequenza e di durata delle compressioni vengono rispettati, a conferma della avvenuta perfusione celebrale generata dalle manovre rianimatorie.
  • È conforme alle Linee Guida Internazionali AHA – American Heart Association, ERC – European Resuscitation Council e alle Raccomandazioni ILCOR – International Liaison Committee On Resuscitation, per i parametri di frequenza e profondità delle compressioni toraciche.
  • Presenta due livelli di valutazione degli allievi: Basic e Specialized.

Un manichino qualitativamente superiore agli altri

BigRed/Brayden Red Light ha superato il confronto con manichini storici quali Laerdal, Prestan e Ambu, risultando qualitativamente superiore ad essi.

Laerdal Little Anne QCPR

  • Laerdal Little Anne QCPR non è conforme alle LG ERC 2015 perché non consente di praticare compressioni all’interno del range dei 5-6 cm come richiesto da ERC.
  • Laerdal Little Anne QCPR non è idoneo all’insegnamento della RCP a gruppi di persone, poiché visualizza informazioni superflue per i soccorritori non-sanitari e non fornisce quelle necessarie ai soccorritori sanitari.

Prestan

  • Il manichino è privo di feedback su profondità e rilascio delle compressioni.
  • Non presenta una corretta posizione della testa per l’esecuzione delle ventilazioni.
  • Non è conforme a ERC 2015.

Ambu Sam

  • Ha un feedback meccanico privo di indicazioni su frequenza e rilascio.
  • Non è aggiornabile in caso di cambiamento delle Linee Guida.
  • È difficile da ventilare, di conseguenza incoraggia una ventilazione eccessiva.
  • Non è conforme a ERC 2015.

Per conoscere nel dettaglio tutte le caratteristiche di Brayden Red Light, consulta la scheda prodotto su Sofrapa Store!

Fonti:

 

Noleggio a Breve Termine di Simulatori Medici Avanzati

Il recente congresso EMS TO THE FUTURE organizzato a Roma dall’International Training Center American Heart Association ITALIA EMERGENZE (per maggiori dettagli visita https://www.emergency-live.com/it/news/la-formazione-per-cambiare-la-testa-della-sanita-italian-ems-to-the-future-2018/) ha indiscutibilmente confermato come la presenza di Workshop e Sezioni pratiche di Addestramento finalizzate all’apprendimento di Abilità Mediche e Infermieristiche spesso trascurate dai tradizionali percorsi universitari è di fondamentale importanza sia per accrescere in maniera esponenziale il numero di partecipanti a eventi come seminari e congressi rivolti a personale sanitario che per arricchire i contenuti stessi dei programmi di svolgimento degli eventi stessi.

Grazie alla collaborazione con SoFraPa durante EMS TO THE FUTURE i partecipanti hanno potuto usufruire di:

E dell’assistenza del titolare SoFraPa Healthcare Paolo Innocenti e del Product Specialist Marco Cerminara che per tutta la durata del Congresso hanno supportato l’utilizzo dei Simulatori Medici forniti affinché gli organizzatori fossero sollevati da ogni esigenza tecnica e le apparecchiature potessero proporre l’intero range di funzionalità disponibili.

Non occorre essere dei matematici o degli esperti di finanza per calcolare che durante il Congresso i partecipanti hanno potuto usufruire di circa 70.000 euro di Simulatori Medici Avanzati che l’incasso dell’evento non avrebbe mai potuto da solo ripagare, considerato che la quota di partecipazione era stata fissata a 170 euro a partecipante e che le presenze totali sono state circa 200.

E’ proprio per permettere a ogni Centro di Formazione e a tutti coloro che sono interessati a organizzare Workshop, Congressi e Corsi di Formazione rivolti a personale sanitario potendo usufruire dei Migliori e più Avanzati Simulatori Medici disponibili sul mercato che abbiamo creato il nostro innovativo servizio di Noleggio a Breve Termine di Simulatori Medici Avanzati (Per maggiori dettagli visita la sezione dedicata del nostro sito all’indirizzo: https://www.sofrapa.it/noleggio/).

Il servizio di Noleggio a Breve Termine di Simulatori Medici Avanzati si affianca a quello di Noleggio a Lungo Termine di Manichini BLS e ALS, Defibrillatori DAE e Simulatori Medici che già da tempo SoFraPa offre ai propri clienti dotati di Partita Iva in collaborazione con Grenke Locazione e che permette di Noleggiare le attrezzature di proprio interesse per una durata variabile da 24 a 60 mesi e corrispondendo un canone mensile di noleggio operativo delle stesse (Per maggiori dettagli visita la sezione dedicata del nostro sito all’indirizzo: https://www.sofrapa.it/noleggio/).

  • Noleggio simulatori medici
Il nostro innovativo servizio di Noleggio a Breve Termine di Simulatori Medici Avanzati si differenzia da quello comunemente offerto da Laerdal, Ambu e i principali produttori e distributori di materiale didattico per le seguenti caratteristiche:
  • E’ UN SERVIZIO ALL-INCLUSIVE: la peculiarità del servizio consiste nel fatto di non limitarsi al Noleggio di Simulatori Medici Avanzati ma bensì di offrire un Servizio All-Inclusive che comprende la consegna, il ritiro, l’installazione delle attrezzature e la presenza on site dei SoFraPa Product Specialist che ti permetteranno di ottenere le massime performance dai Simulatori Medici noleggiati e ti assisteranno in ogni fase della simulazione.
  • AMPIA DISPONIBILITA’ DI SIMULATORI MEDICI: i Simulatori Medici Avanzati dei quali potrai disporre non sono legati a un marchio o a uno specifico modello ma rappresentano il meglio che il mercato internazionale della simulazione medica è in grado di offrire.
  • CONSULENZA TECNICA E ORGANIZZATIVA: SoFraPa è inoltre in grado di offrire tutta la consulenza tecnica necessaria a supportarti nella scelta dei Simulatori Medici Avanzati più idonei alla realizzazione del tuo evento e nell’ottimizzazione del programma e dell’organizzazione delle postazioni pratiche di simulazione.

L’International Training Center American Heart Association CENTRO FORMAZIONE MEDICA ha già scelto il nostro servizio di Noleggio a Breve Termine di Simulatori Medici Avanzati per l’organizzazione del Congresso Emergenza/Urgenza che si svolgerà a Roma nelle giornate del 27 e 28 Aprile 2019 (Maggiori dettagli all’indirizzo: https://www.facebook.com/events/2147678665289128/)

E anche lo Workshop annuale organizzato a Cagliari nelle giornate del 2-3-4 Maggio 2019 da FAST EMERGENZA sarà supportato dalla presenza dei nostri Simulatori Medici Avanzati, dei nostri manichini da salvataggio RUTH LEE e dalla presenza dei nostri Product Specialist.

Qualunque sia l’evento rivolto a personale sanitario che tu voglia organizzare, il nostro servizio All-Inclusive di Noleggio a Breve Termine di Simulatori Medici Avanzati ti permetterà con il minimo investimento di poter arricchire il tuo programma formativo o congressuale e stupire i partecipanti con i migliori dispositivi di simulazione medica disponibili sul mercato.

Vendere Manichini BLS e Simulatori Medici senza fare Magazzino

SoFraPa Healthcare ha avviato la propria attività soltanto alla fine del 2014 ma in soltanto pochi ha acquisito il ruolo di leader di mercato nella fornitura di Manichini BLS, Materiale Didattico e Simulatori Medici per Istruttori di Primo Soccorso e Corsi di Formazione di base e avanzati sulla gestione dell’Emergenza Medica.

Uno dei motivi del successo commerciale di SoFraPa è indubbiamente rappresentato dalla passione, dalla competenza e dalla capacità di individuare e reperire sul mercato internazionale i migliori prodotti in grado di soddisfare le mutevoli e crescenti esigenze del mercato della formazione italiano ma questo non è sicuramente l’unico.

Il dato di fatto dal quale partire è che fino al 2011 la diffusione della cultura della formazione al primo soccorso in Italia era praticamente nulla e probabilmente anche in ambito sanitario i programmi didattici erano arretrati di circa 20 anni rispetto a quelli internazionali e anche europei.

In Germania sono ormai oltre 10 anni che il possesso di un attestato BLS è obbligatorio per poter richiedere il rilascio della patente automobilistica mentre in Francia le manovre di Basic Life Support sono state inserite nei programmi didattici a partire dalle scuole elementari ormai da decenni.

La Legge n.120 del 2001 è stata drasticamente inascoltata fino alla morte sul campo del calciatore Morosini e del pallavolista Bovolenta che hanno portato all’emanazione del Decreto Legge 158 del 2012 (conosciuto come Decreto Balduzzi) che obbliga tutti gli impianti sportivi italiani a detenere un Defibrillatore DAE e personale addestrato al suo utilizzo attraverso la frequentazione di un corso BLSD (Basic Life Support & Defibrillation). Possiamo indiscutibilmente considerare questo il punto di svolta che ha finalmente portato regioni, 118/112 e aziende a interessarsi anche in Italia della diffusione della cutura dell’emergenza e del primo soccorso.

Alla crescita esponenziale dell’offerta didattica in ambito di formazione al primo soccorso scaturita a seguito degli obblighi normativi non ha fatto seguito, fortunatamente per SoFraPa, un aggiornamento dei cataloghi dei principali fornitori di dispositivi elettromedicali che hanno lasciato ai pochi produttori presenti in Italia come Laerdal, Ambu e pochi altri il compito di soddisfare la crescente richiesta di Manichini BLS, Defibrillatori AED Trainer e Simulatori Medici da parte delle agenzie didattiche, dei centri di formazione, delle scuole e dei numerosi istruttori di primo soccorso.

E’ fondamentalmente per questo motivo che il Catalogo SoFraPa Healthcare è diventato così rapidamente il punto di riferimento per ogni istruttore di Primo Soccorso che fosse interessato a dotarsi di materiale didattico per lo svolgimento della propria attività: SoFraPa ha messo a disposizione di tutti coloro che erogano formazione nell’ambito del Primo Soccorso e dell’Emergenza Medica un unico catalogo di riferimento che contenesse il meglio della produzione mondiale nell’ambito della Simulazione Medica, facilmente accessibile e immediatamente disponibile.

Quello che non tutti sanno è che l’intero Catalogo SoFraPa Healthcare è accessibile anche alle aziende del settore elettromedicale e a tutti gli operatori commerciali del mercato della formazione interessati ad ampliare la propria offerta commerciale inserendo i prodotti distribuiti e commercializzati da SoFraPa nei propri cataloghi e nei propri sistemi e-commerce.

Per tutti coloro che hanno già un e-commerce che commercializza prodotti elettromedicali o materiale didattico per corsi di formazione da oggi è disponibile una nuova e rivoluzionaria opportunità: quella di Vendere Manichini BLS e Simulatori Medici senza fare Magazzino!

Attivando infatti una collaborazione in Dropshiping con SoFraPa Healthcare sarà possibile ricevere il nostro intero catalogo in formato .csv facilmente importabile su qualsiasi sistema e-commerce esistente, oppure richiedere che ne venga creato uno che comprenda già tutti i nostri prodotti! Il nostro catalogo non sarà soltanto importato sul tuo sistema e-commerce ma sarà anche costantemente aggiornato nei prezzi di acquisto e di vendita, le disponibilità di magazzino ed eventuali nuove immagini.

Sei un’azienda che vende Defibrillatori DAE? Commercializzi già dispositivi elettromedicali oppure dispositivi di protezione individuale e prodotti di primo soccorso? Il tuo portafoglio clienti comprende Pubbliche Assistenze, Misericordie, Comitati di Croce Rossa? In questi casi e in molti altri che non abbiamo citato siamo certi che non sia insolito per te ricevere richieste di fornitura di Manichini BLS, Defibrillatori didattici e altro materiale didattico per corsi di formazione.

Grazie al nostro servizio Dropshipping non dovrai più declinare le richieste ricevute e neppure dovrai preoccuparti di ricercare di volta in volta il fornitore idoneo a soddisfarle: tutti i migliori prodotti per formazione commercializzati da SoFraPa saranno già presenti sul tuo catalogo, completi di descrizioni accurate, prezzi di vendita e disponibilità pronti per essere acquistati di tuoi clienti.

Ad acquisto avvenuto ti sarà sufficiente inoltrarci il tuo ordine e la nostra logistica provvederà a spedire al tuo cliente, con imballo completamente anonimo e se vuoi anche corredato dai tuoi documenti di spedizione, la merce ordinata.

Per maggiori informazioni ti invitiamo a contattarci allo 055/0982192 oppure inviare una mail a rivenditori@sofrapa.it

Quando si parla di Emergenza Sanitaria, SoFraPa non può mancare!

Siamo orgogliosi di annunciarvi che SoFraPa sarà sponsor tecnico esclusivo del 1° convegno “Italian EMS to the Future”, organizzato dal Centro di Formazione Italia Emergenza, Training Center American Heart Association impegnato nella formazione continua e nell’educazione professionale di tutte le figure sanitarie.

L’evento si articolerà in 2 giornate a Roma, Largo dello Scautismo 1 (vicino Metro B Bologna e stazione FS Tiburtina).

  • Il 1 Dicembre 2018 dalle 9 alle 18, si svolgerà il Convegno (pranzo incluso).
  • Il 2 Dicembre 2018 dalle 9 alle 18, avrà luogo il Workshop.

Durante il Convegno verranno affrontati vari e importanti argomenti quali:

  • Origini e futuro del 118.
  • Tecniche e procedure per gestire il paziente critico in ambiente extra-ospedaliero (Extra Corporeal Life Support, Resuscitative Endovascular Balloon Occlusion of the Aorta (REBOA), Gestione avanzata delle vie aeree, l’Uso della CPAP sui mezzi di soccorso, Emergenze tossicologiche e NBCR).
  • Tecniche militari in ambiente civile: confronto tra soccorso civile e soccorso militare.
  • Fotografia della figura infermieristica in emergenza territoriale.
  • Presentazione dello studio PARAMEDIC 2: effetti della somministrazione di adrenalina nell’arresto cardiaco preospedaliero.

Tutti gli interventi saranno a cura di medici provenienti dai vari settori dell’Emergenza quali 118, Unità Ospedaliere Intensive, Elisoccorso e Pronto Soccorso.

Il Convegno e il Workshop saranno accreditati ECM per medici, infermieri, infermieri pediatrici, TFCPC e fisioterapisti.

Nel Workshop del 2 dicembre, oltre a un BLSD Contest tra i partecipanti su manichini provvisti di sistema di feedback QCPR, con un gradito omaggio per il vincitore, sono programmate varie attività di addestramento su:

  • Accesso Vascolare Intraosseo
  • Gestione di Base e Avanzata delle vie aeree
  • Scenari ACLS

Se sei un Professionista del Soccorso, non perdere quest’occasione di crescita!

Iscriviti e non dimenticare, durante la procedura, di inserire “SOFRAPA” nel campo “eventuali richieste opzionali”.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni all’evento clicca qui.

L’importanza dei dispositivi di CPR Feedback per l’Apprendimento di una RCP di Qualità

Il 2019 è ormai alle porte e le organizzazioni scientifiche di tutto il mondo sono prossime al rilascio della nuova versione delle linee guida sulla Rianimazione Cardio Polmonare (RCP).

Le linee guida sulla RCP vengono rilasciate ogni 5 anni e poiché le ultime sono state pubblicate nel 2015, il 2020 sarà l’anno in cui la nuova versione sarà disponibile.

Queste norme vengono elaborate da una commissione costituita da scienziati e medici provenienti da organizzazioni scientifiche di tutto il mondo che operano nell’ambito della ricerca medica.

L’International Liasion Commitee on Resuscitation (ILCOR), è un’associazione costituita nel 1992 proprio per creare un collegamento tra le varie organizzazioni scientifiche e coordinare i vari aspetti della rianimazione cardiopolmonare in ambito mondiale.

Dell’ ILCOR, fanno parte i rappresentanti di importanti organizzazioni quali American Heart Association (AHA), European Resuscitation Council (ERC), Heart and Stroke Foundation of Canada (HSFC), Australia e New Zeland Commissione Resuscitation (ANZCOR), giusto per citare i più famosi.

L’ILCOR non rilascia linee guida, ma fornisce evidenze scientifiche su cui si basano le varie organizzazioni per redigere le proprie linee guida. Questo particolare aspetto fa sì che talvolta le linee guida pubblicate da una associazione differiscano da quelle rilasciate da altre associazioni.

Quali sono i punti salienti delle linee guida 2015?

Le linee guida sono, per definizione, delle raccomandazioni sviluppate sistematicamente sulla base di conoscenze continuamente aggiornate e validate.

Le linee guida che vanno a subentrare alle precedenti, vedono un rinnovo basato su ricerche e studi scientifici avvenuti nel quinquennio passato, ed ogni rinnovo pone l’accento su un particolare saliente volto a migliorare la procedura per cui sono state create.

Dagli ultimi studi effettuati si evince che una sequenza di manovre di RCP efficace parte da un riconoscimento e da un intervento precoce, a cui seguono prestazioni di alto livello che combinano la giusta frequenza con un’adeguata profondità di compressioni.

Proprio per questi motivi, nell’ultima versione delle linee guida (rilasciata nel 2015), l’accento è stato posto sulla qualità delle compressioni, ed in particolare sul miglioramento delle prestazioni che gli strumenti di feedback forniscono.

L’uso dei dispositivi di feedback può essere efficace nel miglioramento delle prestazioni RCP durante la formazione” AHA

I dispositivi in grado di fornire un feedback con istruzioni per la RCP sono utili per migliorare la frequenza, la profondità, il rilascio e la posizione delle mani delle compressioni toraciche” ERC

Cosa sono gli strumenti di feedback?

Per “Feedback” si intende letteralmente risposta, una reazione che ritorna.

Nella vita di tutti i giorni, siamo completamente immersi in questo sistema di feedback molto più di quanto possiamo immaginare (basti pensare alle spunte blu del social network che ci indica che il messaggio è stato non solo ricevuto, ma perfino letto, fino al led situato sul bollitore dell’acqua che si spegne una volta che ha raggiunto la temperatura desiderata).

In ambito della rianimazione cardiopolmonare, un feedback è semplicemente un segnale che ci aiuta a capire se le manovre che stiamo eseguendo sono corrette e possono realmente portare beneficio al paziente.

Esistono diversi tipi di sistemi di feedback, dai più semplici ai più sofisticati, che possiamo dividere in:

  • Uditivi
  • Visivi
  • Combinati

Un tipo di dispositivo di feedback uditivo è, ad esempio, il metronomo. Ascoltare un ritmo costante ci aiuta a mantenere una frequenza di compressioni altrettanto costante, ma può non essere sufficiente per mantenere un’adeguata profondità.

Il Metronomo è ormai comunemente presente su tutti gli AED Trainer in commercio, ma è inoltre disponibile anche su molte App facilmente reperibili gratuitamente sia per Android che per IOS. Il feedback uditivo più frequentemente utilizzato per verificare la correttezza della profondità delle compressioni è invece rappresentato dal “clicker”, una lamella di metallo posta all’interno del torace del manichino per RCP che emette un segnale sonoro ogni volta che la profondità di compressione indicata dalle Linee Guida è stata raggiunta.

Vimetecsa Practi-Man Advance e INNOSONIAN MOLEY sono i manichini dotati di Clicker Sonoro più frequentemente acquistati dagli Istruttori di Primo Soccorso.

Talvolta infatti è indispensabile, al fine di comprendere a pieno le manovre di RCP, poter avere un feedback visivo. Ci sono diversi dispositivi in commercio, uno di questi è il manichino mezzobusto INNOSONIAN BRAYDEN, dotato di luci led che si accendono e mostrano la perfusione cuore-cervello nel momento stesso in cui vengono effettuate le compressioni.

Il manichino è inoltre dotato di ben 3 indicatori di CPR Feedback in tempo reale che guidano lo studente al corretto apprendimento della RCP supportandolo attraverso la modifica della modalità di illuminazione dei led posti sul torace, le carotidi e la testa del manichino.

SIMULAIDS ECONO VTA (Visual Training Assistant) che grazie a un piccolo display a led collegato al manichino permette di verificare la corretta esecuzione delle compressioni toraciche sia a livello di profondità che di frequenza.

Infine, ci sono dispositivi di feedback più completi, che combinano segnali visivi a quelli uditivi, garantendo le massime prestazioni durante le fasi di training.

A tal proposito, è impossibile non menzionare il CPR cube, dispositivo compatto e maneggevole, ideale se l’obiettivo è quello di concentrarsi solamente sulle compressioni, tralasciando le ventilazioni.

Realizzato in schiuma di poliuretano per simulare la consistenza e la resistenza del torace umano, il CPR cube emette sia un allarme sonoro ad ogni compressione sia un allarme visivo, con una serie di luci che si accendono ogni qualvolta la compressione è effettuata in maniera corretta. Il dispositivo si trova applicazione ideale nelle scuole, durante eventi di mass-training e ovunque la dinamica del Contest (competizione di RCP tra gli allievi) voglia essere utilizzata per motivare maggiormente gli studenti a un corretto apprendimento della RCP.

Per prestazioni di alto livello, qualora si voglia eseguire un training completo che comprenda anche le ventilazioni, esistono in commercio manichini altamente sofisticati che garantiscono alte prestazioni ed una formazione eccellente, come BT INC SEEM “SHERPA X”: Manichino BLS mezzobusto con RCP feedback, dotato di tablet con il quale è possibile assistere in tempo reale all’andamento delle manovre di RCP.

Oppure come il manichino INNOSONIAN BRAYDEN PRO, un simulatore dotato di un App in grado di analizzare nei minimi dettagli in tempo reale le performance degli allievi e fornire una reportistica condivisibile sui social network ed esportabile in excel per debriefing e studi clinici post formazione.

Perché sono così importanti gli strumenti di feedback?

Dalle precedenti linee guida, sappiamo come un’adeguata frequenza di compressioni si stanzia tra i 100-120 bpm, mentre una profondità ottimale debba essere superiore ai 5 cm, ma inferiore a 6 cm.

L’ errore più frequente che è stato riscontrato in assenza di dispositivi di feedback, è un aumento della frequenza delle compressioni da parte del soccorritore, fino a superare i 120 bpm. È stato dimostrato, che un aumento della frequenza è direttamente correlato ad una diminuzione della profondità delle compressioni stesse, rendendo la RCP inefficace e non produttiva.

Diversi studi scientifici hanno dimostrato come l’utilizzo di dispositivi di feedback possa notevolmente migliorare la qualità delle compressioni toraciche e condurre ad una RCP efficace.

Nel 2013 lo staff del polo di Rianimazione del Centro Ospedaliero Universitario di Canne, condusse uno studio sul miglioramento delle compressioni toraciche utilizzando i dispositivi di feedback [1].

Lo studio si concentra in particolare sull’importanza dell’efficacia delle manovre di rianimazione che vengono eseguite fuori dal contesto ospedaliero.

Pertanto, le persone oggetto dello studio sono studenti dell’università di Caen Basse, Normandia, senza alcuna precedente esperienza o formazione in ambito della rianimazione cardiopolmonare.

I 308 ragazzi, sono stati suddivisi in in due gruppi da 154 partecipanti ciascuno:

  • Il gruppo G (guided) ha eseguito le manovre di RCP utilizzando un dispositivo di feedback
  • Il gruppo B (blinded) ha invece eseguito le manovre senza alcun dispositivo di feedback.

I grafici di sotto riportati mostrano l’andamento dello studio.

 

 

È possibile notare come, su 154 partecipanti di ogni gruppo, 96 hanno mantenuto una frequenza costante tra i 100 ed i 120 bpm, contro i 64 del gruppo non guidato, così come quasi la metà dei partecipanti del gruppo guidato ha mantenuto una profondità nettamente superiore rispetto a quelli del gruppo non guidato.

Lo studio ha dimostrato come le compressioni toraciche guidate da un sistema di feedback hanno fortemente migliorato il tasso di qualità delle compressioni stesse eseguite da persone senza alcune precedente esperienza in ambito della rianimazione cardiopolmonare.

È stato dimostrato, inoltre, che i dispositivi di feedback migliorano non soltanto le abilità di imparare e ricordare le manovre di RCP, ma anche la qualità della RCP eseguita da soccorritori professionisti su manichini.

A tal proposito, è stato condotto un altro studio sempre dallo staff del polo di Rianimazione del Centro Ospedaliero Universitario di Canne e pubblicato nel 2016 in “The American Journal of Emergency Medicine”[2].

In questo studio, contrariamente al precedente, i partecipanti erano soccorritori professionisti del servizio di emergenza territoriale dell’Ospedale Universitario di Canne.

Anche in questo caso, i partecipanti sono stati divisi in due gruppi:

  • Il gruppo G (guided) ha eseguito le manovre di RCP utilizzando un dispositivo di feedback
  • Il gruppo B (blinded) ha invece eseguito le manovre senza alcun dispositivo di feedback.

I grafici di sotto riportati mostrano l’andamento dello studio e prendono in esame 4 parametri:

  • Efficienza delle compressioni
  • Adeguata frequenza
  • Adeguata profondità
  • Adeguato rilascio della forza

Lo scopo dello studio è stato quello di osservare l’impatto dei dispositivi di feedback in merito alla diminuzione della qualità delle compressioni toraciche di solito riscontrata durante manovre di rianimazione di tempo prolungato.

L’utilizzo dei dispositivi di feedback ha significativamente ritardato la diminuzione della qualità delle compressioni toraciche osservata invece nei primi cinque minuti dal gruppo non guidato.

Prendendo in considerazione la qualità delle compressioni, è possibile notare come l’efficacia delle stesse sia rimasta stabile nel tempo: non c’è infatti una significativa differenza di efficacia tra il primo ed il decimo minuto di compressioni nel gruppo guidato (grafico a).

Contrariamente, senza l’utilizzo di dispositivi di feedback, l’efficacia delle compressioni toraciche gradualmente diminuisce dal primo al quinto minuto e significativamente dal secondo minuto in poi.

I dispositivi di feedback si sono dunque dimostrati un fattore essenziale nelle rianimazioni cardiopolmonare di lunga durata, andando quasi a duplicare il tasso di efficienza delle compressioni toraciche.

Al termine di questo breve approfondimento è dunque possibile affermare che l’utilizzo di dispositivi di addestramento provvisti di ausili di feedback, è indubbiamente da prediligere per lo svolgimento delle attività didattiche.

Il progresso della tecnologia, l’abbattimento dei costi e l’alto livello di affidabilità che questi ausili mettono a disposizione, fanno sì che lo svolgimento di un’attività di addestramento fatta con una manichino base sia non soltanto da sconsigliare ma anche da ritenersi obsoleta.

Riferimenti

[1] Improvement in chest compression quality using a feedback device (CPRmeter): a simulation randomized crossover study,Clément Buléon, MD, Jean-Jacques Parienti, MD, PhD, Laurent Halbout, MD, Xavier Arrot, MD, Hélène De Facq Régent, MD, Dan Chelarescu, MD, Jean-Luc Fellahi, MD, PhD Jean-Louis Gérard, MD, PhD, Jean-Luc Hanouz, MD, PhD. American Journal of Emergency Medicine, 2013.

[2] Impact of a feedback device on chest compression quality during extended manikin CPR: a randomized crossover study, Clément Buléon, MD, Julie Delaunay, MD, Jean-Jacques Parienti, MD, PhD, Laurent Halbout, MD, Xavier Arrot, MD, Jean-Louis Gérard, MD, PhD, Jean-Luc Hanouz, MD, PhD, American Journal of Emergency Medicine, 2016.

Specialisti nella fornitura di Simulatori Medici, Manichini RCP e Materiale Didattico per la Formazione al Primo Soccorso, alla Gestione dell’Emergenza Medica e al Salvataggio.

Entra a far parte della #CommunitydiSoFraPa !

Headquarters:

Sofrapa Healthcare di Paolo Innocenti
Via Panciatichi, 106
50127 Firenze (FI)

  055 0982192
  055 7472669
  info@sofrapa.it

  Lunedì – Venerdì: 9:00 – 18:00
Sabato e Domenica: Chiusi